The (d)Russ Code #4

The (d)Russ Code #4

Il concetto di fashion applicato alle ultime settimane delle stelle dello sport

 

Sportivi e moda. Un rapporto inevitabilmente sotto i riflettori, spesso stravagante, sempre personale, con apici equivalenti di kitsch ed eleganza a seconda dei protagonisti. C’è chi osa, chi rischia, chi se ne strafrega, chi vuole imitare e chi innovare. Atleti che pensano invano di arrivare allo stadio chic e raffinati ed atlete che con la grazia delle dee attraversano i red carpet, facendoci dimenticare del loro status di sportive.

 

Per questo abbiamo dedicato questa rassegna di outfit delle stelle dello sport all’atleta che più sta spingendo “oltre” le barriere dell’abbinabile in camerino e dell’impresa sportiva sul campo da gioco: Russell Westbrook, play degli Oklahoma City Thunder dell’Nba, con la sua personalissima concezione di “fashion” e di pallacanestro -unica, eccitante, adrenalinica- sta fissando talmente in alto l’asticella che sembra impossibile, attualmente, trovargli un degno rivale. Qui dentro ci proveremo, e ad ognuno la propria scelta: perchè come diceva il patròn dell’Olimpia di basket Giorgio Armani “L’eleganza non è farsi notare, ma farsi ricordare.”

 

Nota: il titolo della rubrica è nato mescolando un evento storico per la pallacanestro americana, già narrata da queste parti su una puntata dei Game Changers…nel 2005 la Lega decise di porre un taglio alla moda “hip-hop” imponendo il proprio “dress code”, ferree linee guida su cosa sarebbe stato consentito indossare o meno da lì in avanti. Le cose, come dice il nostro Avvocato preferito e altro protagonista di #BarracudaStyle, da quel giorno sono andate molto a sud. E The (d)Russ Code ne è una diretta conseguenza. Enjoy folks!

 

#1 In loving memory – doveroso esordire con l’omaggio che il simbolo della nostra rubrica ha dedicato ad una figura leggendaria come Craig Sager, andatosene il 15 Dicembre 2016. Il mitico giornalista era famoso non solo per il suo modo unico e divertente di intervistare i protagonisti del basket Nba, ma anche per le giacche incredibili che ogni volta riusciva a sfoggiare, talmente tante da poter riempire da solo decine di puntate di The (d)Russ Code…We’ll miss you Craig!

 

1

 

 

#2 il cigno di Woerden – Anouk Hoogendijk – qui in una pausa rigenerante prima della partita della Domenica – è una delle più belle giocatrici del campionato olandese, fashion victim come poche e pure pregevole centrocampista di uno dei club più storici al mondo, l’Ajax del suo vecchio e compianto idolo Cruijff

 

2

 

 

#3 WunderDirk – il più grande giocatore di basket tedesco della storia, la stella dei Dallas Mavericks Dirk Nowitzki, per ingannare il tempo in attesa di guarire dall’infortunio si diverte a cammuffarsi da texano, con tanto di cappello da cowboy

 

3

 

 

#4 la doppia vita di Veronica – a soli 30 anni e con una carriera che dura ormai da 15, la nostra affascinante schiacciatrice Veronica Angeloni ha scelto per la seconda volta nella sua vita di andare a giocare all’estero cogliendo al volo l’offerta del Saint Raphael, squadra francese su una Costa Azzurra che Veronica sembra gradire particolarmente anche fuori dai palazzetti

 

4

 

#5 Ibra state of mind – è facile autodefinirsi il giocatore più forte e vincente del mondo, ma Zlatan Ibrahimovic, attaccante del Manchester United, ha sempre fatto seguire i fatti alle parole. Ed ora che nella sua Svezia gli hanno pure innalzato una statua, sarà ancora più dura replicare. Qui è alla cerimonia di premiazione, impeccabile. E anche se non lo fosse, nessuno oserebbe farglielo notare

 

5

 

 

#6 Aussie style – se il re indiscusso dello SWAG, dell’essere cool, è il nostro Russell Westbrook, Rebecca Allen, bravissima cestista australiana, è un mix strepitoso di bellezza e bionda eleganza “Aussie” che porta in giro per il mondo, tra la WNBA e i campionati slovacchi

 

6

 

 

#7 Parsons Project – pochi giocatori Nba sanno essere più attraenti per i fashion brand fuori dal campo come Chandler Parsons, l’ala dei Memphis Grizzlies che, mentre osserva i propri compagni giocare durante la convalescenza, riesce a rimanere sotto i riflettori con i propri outfit sempre in perfetto equilibrio tra classe e stravaganza

 

7

 

 

#8 tris d’aces – dominio incontrastato ai party invernali per due tra le migliori tenniste del mondo, Caroline Wozniacki (danese, a sinistra) e Nicole Gibbs (americana, a destra) unite simbolicamente al centro da una delle donne più potenti dello sports-biz, ovvero Fara Leff, dell’agenzia sportiva Klutch Sports

 

8

 

 

#9 A tuxedo for the ages – è stata decisamente una serata da ricordare quella di Domenica sera a San Antonio per Tim Duncan, superstella Nba ritiratosi da poco ed onorato sul campo di casa dove in vent’anni è riuscito a vincere tutto. Per l’occasione Duncan ha stracciato parecchie scommesse, dato che nessuno pensava si sarebbe vestito elegante…e invece ancora una volta ha stupito tutti, dagli ex compagni di squadra ed allenatori (sulla sinistra) e la famiglia con compagna (sulla destra)

 

9

 

 

#10 Sportsman of the Year 2016 – la cover tedesca di GQ di Dicembre è tutta per l’atleta dell’anno in Germania, Jerome Boateng, il grande difensore centrale del Bayern Monaco del nostro Carletto Ancelotti

 

10

 

 Michele Pettene