Pearl Jam: 5 imperdibili bootleg del tour 2022

Pearl Jam: 5 imperdibili bootleg del tour 2022

Dopo un lungo stop forzato a causa della pandemia, quest’anno i Pearl Jam sono finalmente tornati in tour. Quali sono i migliori bootleg dei concerti che il gruppo ha suonato nel 2022?

Foto: Henno Taams

Foto: Henno Taams

Dopo due anni di stop forzato e dopo alcuni concerti suonati nell’autunno dello scorso anno, nel 2022 i Pearl Jam sono tornati ad esibirsi di fronte ai loro fan europei e americani per un totale di 33 date. I concerti sarebbero dovuti essere in realtà 38 ma 2 sono stati cancellati in maggio dopo che Matt Cameron e Jeff Ament avevano contratto il COVID-19 mentre altri 3 concerti, questa volta europei, sono stati annullati in quanto Eddie Vedder aveva perso la voce poco dopo il loro spettacolo a Parigi a causa degli incendi in Francia.

Ora che il tour è concluso, è lecito chiedersi quali sono stati i concerti migliori e quali sono quindi pertanto i bootleg imperdibili, come sempre disponibili su pearljam.com sia in formato fisico, sia in digitale (fonte soundboard, come è sempre stato fin dal lontano Binaural Tour del 2000).

pearl jam amsterdam 2022 - photo by Henno Taams (17)

Eddie Vedder dal vivo con i Pearl Jam nel 2022

 

Save Mart Arena, Fresno, CA – 16/05/2022

L’ultimo concerto della prima leg americana si segnala per essere stato un concerto con tanti imprevisti quante sorprese. Con Matt Cameron fuori dai giochi a causa del COVID-19, in aiuto ai Pearl Jam non arriva solo Richard Stuverud (che ha sempre accompagnato Jeff Ament nei suoi vari progetti paralleli), ma pure Dave Krusen, il primo batterista del gruppo. Con quest’ultimo suonano molti pezzi di Ten… e il resto è storia.

Acquista il bootleg ufficiale qui
SETLIST

 

Hallenstadion, Zurigo, Svizzera – 23/06/2022

Il gruppo torna a suonare a Zurigo 22 anni dopo la precedente volta (caso vuole, pure nello stesso giorno) e dà vita ad un concerto memorabile, molto intenso e in grado di ricordare certi spettacoli che il gruppo suonò a inizio 2000. La setlist è variegata e attinge sia dal recente Gigaton, sia da Ten (dal quale vengono suonate più di metà della canzoni in esso contenute).

Acquista il bootleg ufficiale qui
SETLIST

 

Autodromo Enzo e Dino Ferrari, Imola, Italia – 25/06/2022

Rispetto al precedente concerto, suonato nell’intimo Hallenstadion di Zurigo, i Pearl Jam a Imola suonano davanti a oltre 60mila fan, per il concerto con più presenze dell’intero tour. La scaletta riflette quanto vorrebbe il pubblico, vengono quindi suonate parecchie canzoni iper famose del gruppo, ma la band non si tira indietro e propone anche le rare Come Back e Save You.

Acquista il bootleg ufficiale qui
SETLIST

 

Ziggo Dome, Amsterdam, Olanda – 25/07/2022

Dopo i tre precedenti concerti annullati a causa dei danni alle corde vocali di Eddie (durante la performance dei Pearl Jam a Parigi) a causa degli incendi in Francia, il gruppo torna ad esibirsi dal vivo in quella che è l’ultima data del tour europeo 2022. Iniziano il concerto seduti su delle sedie con una successione di brani lenti da cardiopalma. E la voce di Eddie è potente come non mai…

Acquista il bootleg ufficiale qui
SETLIST

 

Waterfront Music Pavilion, Camden, NJ – 14/09/2022

La data di tre giorni prima al Madison Square Garden è stata ottima, ma la scaletta del concerto a Camden è travolgente con un inizio memorabile (Wash, seguita da Oceans, Daughter e Hard To Imagine) e con diverse rarità suonate nel main set come Deep, Untitled e diverse canzoni tratte da Gigaton. Un bootleg semplicemente imperdibile.

Acquista il bootleg ufficiale qui
SETLIST

 

LUCA VILLA

Small my table, sits just three.

Nasce nel 1980 a Reggio Emilia. Crea pearljamonline.it nel 2001 e scrive la prima edizione di Pearl Jam Evolution nel 2009 insieme alla moglie Daria. Collabora con barracudastyle.com e hvsr.net , ha collaborato con Rockol, Rolling Stone e Il Fatto Quotidiano. Nel 2022 lancia il suo primo podcast, Fuori Orario: Not Another Podcast. Continua imperterrito a tentare di trovare “belle melodie che dicono cose terribili”.