Bruce Springsteen in Italia: 5 momenti leggendari (e forse irrepetibili)

Bruce Springsteen in Italia: 5 momenti leggendari (e forse irrepetibili)

A qualche giorno dalla pubblicazione di Only The Strong Survive, quindici classici soul e R&B reinterpretati dal Boss, e a qualche mese dai suoi concerti italiani, siamo andati a selezionare cinque momenti leggendari tratti dagli spettacoli che Bruce Springsteen ha suonato in Italia in tutti questi anni.

Foto di Henry Ruggeri

Bruce & con Jake Clamons e Steve Van Zandt allo Stadio San Siro nel 2016 – Foto di Henry Ruggeri

Tra l’ascolto pre-advance di Only The Strong Survive e l’attesa delle tre date italiane che Springsteen suonerà il prossimo anno, può capitare di andare indietro con la memoria, arrivando a riflettere su alcuni momenti che ti hanno lasciato davvero senza parole degli spettacoli che il Boss ha suonato nel nostro paese a partire dal lontano, lontanissimo 1985.

Sia chiaro, ognuno ha i suoi, il tutto dipende dall’età che uno ha, da quanti concerti italiani di Springsteen si è visto ma anche dal gusto personale. Io ne ho selezionati cinque, sicuro ce ne siano stati almeno altri cinquanta… e in attesa che ne arrivino altri il prossimo anno.

Nella mia Top 5, al primo posto c’è The Promise suonata al piano durante il concerto-maratona del 7 giugno 2012. La mia canzone preferita di sempre di Bruce, nonché una dei migliori brani dell’intero songbook di Bad Scooter. Un momento che i presenti non hanno ancora dimenticato, nonostante siano passati più di dieci anni da quella data ormai entrata nella leggenda.

Segue la cover dei Suicide Dream Baby Dream, tratta dalla tappa bolognese del Devils & Dust Tour, dove Springsteen ci mise corpo e anima (e qualcosa di più) nel cantarla, uno di quei rari momenti nei quali l’artista diventa un tutt’uno con il proprio pubblico, ovvero quello che successe proprio quella serata a Bologna.

For You, tratta dal concerto a Bologna del 2002 è uno di quei momenti che si ricordano ancora con le lacrime agli occhi, per via dell’intensità ed il trasporto con il quale Bruce la cantò, in quella versione riarrangiata al piano di quel brano presente nel suo disco di debutto, Greetings from Asbury Park, N.J., pubblicato nel 1972 (… hey, quest’anno compie 50 anni!).

In quarta posizione di questa mia personalissima Top 5, ho inserito Drive All Night, nell’emozionante versione suonata a Torino durante il Working on A Dream Tour, l’ultima occasione nella quale il pubblico italiano vide dal vivo il compianto Clarence Clemons. Chiudiamo con None But The Brave – dallo stesso concerto ero indeciso tra questa e Racing In The Street, il mio secondo pezzo preferito del Boss – nell’epocale versione suonata allo Stadio San Siro di Milano il 25 giugno del 2008, durante uno dei miei concerti italiani preferiti di sempre di Springsteen.

THE PROMISE - Guarda il video su YouTube
San Siro, Milano, 7 giugno 2012

DREAM BABY DREAM – Guarda il video su YouTube
PalaMalaguti, Casalecchio di Reno, 4 giugno 2005

FOR YOU – Guarda il video su YouTube
PalaMalaguti, Casalecchio di Reno, 18 ottobre 2002

DRIVE ALL NIGHT – Guarda il video su YouTube 
Stadio Comunale, Torino, 21 luglio 2009

NONE BUT THE BRAVE – Guarda il video su YouTube 
Stadio San Siro, Milano, 25 giugno 2008

… e ora basta con i ricordi, piuttosto prepariamoci ai tre concerti italiani del Boss previsti per il prossimo anno (e se volete, date un ascolto alle mie recensioni dei primi singoli tratti da Only The Strong Survive proprio qui sotto).

LUCA VILLA

Small my table, sits just three.

Nasce nel 1980 a Reggio Emilia. Crea pearljamonline.it nel 2001 e scrive la prima edizione di Pearl Jam Evolution nel 2009 insieme alla moglie Daria. Collabora con barracudastyle.com e hvsr.net , ha collaborato con Rockol, Rolling Stone e Il Fatto Quotidiano. Nel 2022 lancia il suo primo podcast, Fuori Orario: Not Another Podcast. Continua imperterrito a tentare di trovare “belle melodie che dicono cose terribili”.