Dieci curiosità su Mike McCready, il chitarrista dei Pearl Jam

Dieci curiosità su Mike McCready, il chitarrista dei Pearl Jam

Dieci curiosità che (forse) non sapete sul chitarrista dei Pearl Jam, Mike McCready.

Michael David McCready nasce il 5 aprile 1966 a Pensacola, in Florida, figlio unico di un impiegato statale e di un’insegnante di educazione artistica. Da piccolo si trasferisce insieme alla sua famiglia a Seattle. I suoi amici gli fanno conoscere i Kiss e gli Aerosmith, ma il giovane Mike viene presto stregato da Jimi Hendrix, il leggendario chitarrista nativo di Seattle. A undici anni riceve in dono la sua prima chitarra e due anni dopo forma la sua prima band, i Warrior, con cui si esibisce alle feste scolastiche suonando cover dei Kiss. «I Kiss mi hanno ispirato a imbracciare una chitarra e ad andare fino in fondo» dichiara Mike. «La mia vita sarebbe diversa senza Paul Stanley o Ace Frehley. Loro sono probabilmente in cima alla mia lista di influenze di quando avevo undici anni».

1. La prima canzone incisa in studio da Mike McCready e pubblicata ufficialmente è la leggendaria Reach Down, contenuta nell’omonimo disco dei Temple of the Dog.

2. Durante le session di Ten, Mike McCready arriva a incidere l’assolo di Even Flow più di trenta volte. «Registrando Ten, avremo fatto Even Flow almeno trenta volte. Yellow Ledbetter è venuta probabilmente la seconda volta. Quando abbiamo composto quella canzone, Ed l’ha azzeccata subito. Ma Ten è stato soprattutto di Stone e Jeff. Ed e io eravamo solo dei passeggeri quella volta».

3. Mike McCready, curiosamente, non appare nella versione studio di uno dei pezzi più conosciuti dei Pearl Jam, Jeremy, inserita in Ten e pubblicata anche come singolo nel 1992.

4. Yellow Ledbetter è uno dei primi brani registrati dalla band, scritta da Mike McCready e inserita come b-side del singolo Jeremy. «Un riff vagamente basato su qualcosa che stavo provando durante le sessioni di Ten. Pensavo fosse bello. Eddie cominciò a inventare le parole al momento e l’abbiamo tenuta. Tuttora non so di cosa parla e non voglio nemmeno saperlo! La amo. E anche ai fan piace», ricorda Mike McCready.

5. Il gruppo preferito di Mike McCready sono i Rolling Stones. «Se non fosse stato per Keith Richards, Mike McCready non sarebbe qui» dice Eddie Vedder durante il concerto che i Pearl Jam suonano il 31 dicembre del 1992 come opening act di lusso del side project di Keith Richards, gli X-pensive Winos.

?????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????

6. McCready ha fatto parte dei M.A.C.C., con Mike e Jeff Ament rispettivamente alla chitarra e al basso, insieme a Chris Cornell e a Matt Cameron dei Soundgarden alla voce e batteria. L’unica canzone incisa da questo combo è una cover di Jimi Hendrix, Hey Baby (Land of the New Rising Sun), inclusa nel disco tributo al chitarrista di Seattle, Stone Free: A Tribute to Jimi Hendrix.

7. Nel 1994, Mike va a disintossicarsi in una clinica di Minneapolis e fa amicizia con il bassista blues John Baker Saunders. Una volta ripuliti da alcol e droghe, tornano a Seattle e chiamano Barrett Martin degli Screaming Trees e Layne Staley, il cantante degli Alice in Chains, per alcune jam in studio. Dopo qualche show nei pressi di Seattle, dove si esibiscono come The Gacy Bunch, i quattro si recano ai Bad Animals di Seattle e incidono insieme Brett Eliason, l’ingegnere del suono dei Pearl Jam, il disco Above. Alcuni giorni dopo la band cambia nome in Mad Season, il resto è storia.

temple of the dog

8. «Mike McCready ha scritto una parte della musica di Light Years. Siamo stati eccitati per un po’, ma quando è venuto il momento di registrarla, era troppo carina, troppo perfetta – assomigliava un po’ troppo a Given to Fly. Così abbiamo cambiato il tempo, poi una notte Mike ed io, dopo averci lavorato sopra tutto il giorno fino alla frustrazione, abbiamo ricominciato e in circa trentacinque minuti è diventata Light Years, con testo e tutto. Aveva ancora un coro e una melodia piuttosto contagiosi, ma era abbastanza strana da farmi felice», rivela Vedder in un’intervista a Revolver.

9. Mike McCready, nel corso della sua carriera, ha partecipato a diverse colonne sonore. In Almost Famous di Cameron Crowe, McCready ha suonato alcuni degli – infuocati – assoli della band fittizia creata per il film, gli Stillwater, ispirata a gruppi come Allman Brothers e Led Zeppelin.

10. Mike McCready ha scritto alcune delle canzoni più note della band: State of Love and Trust, Yellow Ledbetter e Given To Fly. Nel penultimo disco in studio della band, Backspacer, il chitarrista ha contribuito con Force of Nature. Mike ricorda: «È interessante il fatto che mi fossi riproposto di creare qualcosa di più pop se avessi potuto. Non ho mai fatto questo tipo di riflessioni in passato, normalmente compongo e basta. Però va detto che il risultato non è stato particolarmente pop. È più simile agli Stones, così il risultato è stato diverso da quello che avevo immaginato e questo è un bene perché forse la mia visione era un po’ limitata. Sono contento che sia finita nell’album».

mike-mccready-2010

Luca Villa