LOST PEARLS – Le quindici perle (nascoste) dei Pearl Jam

LOST PEARLS – Le quindici perle (nascoste) dei Pearl Jam

Ecco una lista, corredata da audio in streaming (sempre sia benedetto YouTube!) con i pezzi rari più interessanti nascosti all’interno dell’immenso catalogo della band capitanata da Eddie Vedder e forse sfuggiti all’attenzione dei più.

CHAPTER ONE

CHINESE (1991) | Ascoltala su http://youtu.be/O_nylyRgSQk

Demo inciso durante le sessions di Ten e tenuto nel cassetto fino al 2011, quando fu mandato in onda da Cameron Crowe durante un’intervista con la radio ufficiale dei Pearl Jam. Un pezzo possente, che ricorda da vicino Hold On, sempre incisa (e scartata) durante le stesse sessions e poi inclusa in Lost Dogs. Evocativa, con un ottimo groove ritmico e impreziosita da intrecci di riff chitarristici, per certi versi richiama l’appeal hard rock che pulsava nel sound dei Mother Love Bone.

ANGEL (1993) | Ascoltala su http://youtu.be/wPkzIgiQeEY

Christmas single pubblicato vent’anni fa, rappresenta un caso unico nella produzione dei Pearl Jam. Composto da Eddie Vedder insieme all’allora batterista della band, Dave Abbruzzese, è il più classico dei pezzi d’amore (cosa che forse non ci si aspetterebbe dallo schivo Vedder di quell’epoca!) ed è dedicato alla storica fidanzata/futura moglie di Ed, Beth Liebling. Il pezzo verrà eseguito quattro volte nel biennio 1992/1994 per poi essere messo da parte definitivamente. Probabilmente il divorzio con Beth (avvenuto nel settembre del 2000) e l’allontanamento di Dave dai Pearl Jam nel giugno 1994 hanno contribuito a farla entrare nel limbo dei “pezzi da non suonare mai più”. Interessante notare che Angel figurava nella tracklist originale di Lost Dogs, pubblicato nel 2003 (era persino presente nel comunicato stampa!) ma alla fine fu accantonata anche in quella pubblicazione. Prima o poi ricomparirà nelle setlist dei nostri? Non credo, ma la speranza è l’ultima a morire.

SMALL TOWN – Acoustic Version (1993) | Ascoltala su http://youtu.be/9U4bf5OPTdc

Una versione alternativa, poco conosciuta, di uno dei cavalli di battaglia dei Pearl Jam. Pubblicata come b-side del singolo di Go, primo estratto dal loro secondo album Vs. Il pezzo è eseguito in solitaria da Eddie Vedder e rappresenta un primo banco di prova per la sua futura carriera solista, che partirà ufficialmente solo quattordici anni dopo con la colonna sonora di Into The Wild.

OPEN ROAD (1995) | Ascoltala su http://youtu.be/asBmQXEsm5M

Pezzo suonato dai Pearl Jam una sola volta dal vivo, a Phoenix (Arizona) il 13 settembre del 1995. Sembra quasi un’improvvisazione, anche se molto elaborata, e il testo cantato da Eddie Vedder pare già essere stato provato in studio con la band. Da notare anche l’incendiario solo blues di Mike McCready. Che possa essere una traccia scartata da No Code, pubblicato l’anno seguente? Sono sicuro che nei prossimi anni si scoprirà di più su questa autentica perla.

HARD TO IMAGINEChicago Cab Version (1998) | Ascoltala su http://youtu.be/xYjL10U9ZiU

Una versione alternativa di questo capolavoro, di gran lunga superiore alla versione presente su Lost Dogs. Pubblicata nel 1998, dopo sei anni dalle prime esecuzioni dal vivo, nella colonna sonora di un debole film indipendente dell’epoca. Ad un orecchio attento, il testo presenta sostanziali differenze rispetto alla versione su Lost Dogs, che fu reincisa con un testo modificato. Anche la parte musicale, sebbene sostanzialmente identica, pare più sentita e dolente.

Vuoi scoprire altre cinque perle nascoste dei Pearl Jam? Torna a visitarci la prossima settimana!

Luca Villa

https://twitter.com/LucaChinaski

www.pearljamonline.it