Halloween di John Carpenter arriva in alta definizione: le dieci curiosità

Halloween di John Carpenter arriva in alta definizione: le dieci curiosità

Il capolavoro di John Carpenter torna a 40 anni dall’uscita al cinema in Italia ed entra a far parte della collana Midnight Classics edita dalla Midnight Factory in un’imperdibile edizione disponibile per la prima volta in alta definizione dal 31 ottobre 2019.

H2019

1. Con un budget iniziale di $300,000, nel corso degli anni Halloween è riuscito ad incassare oltre 70 milioni di dollari diventando una delle pellicole indipendenti che hanno incassato di più nella storia del cinema.

2. Lo script originale di Halloween, intitolato The Babysitter Muders, prevedeva che i vari eventi si svolgessero in giorni differenti. Per questioni di budget, la trama venne variata in modo da far sì che tutto il film – tranne il prologo – fosse ambientato nella stessa giornata (in modo da ridurre i costi per i cambi di vestiti e di location). Proprio per ridurre le spese, quasi tutti gli attori che compaiono nel film indossano i propri vestiti.

Halloween 1978 - John Carpenter (7)

3. In Halloween non mancano vari omaggi a una delle pellicole preferite da John Carpenter: Psyco di Alfred Hitchcock. Il nome Sam Loomis, lo psichiatra di Michael Myers interpretato da Donald Pleasence, è lo stesso dell’amante segreto di Marion Crane in Psyco. Nel film di Hitchcock, Marion Crane è interpretata da Janet Leigh, la mamma di Jamie Lee Curtis che in Halloween interpreta Laurie Strode.

4. Tra i vari attori considerati per il ruolo del Dr. Sam Loomis ci sono stati Peter O’Toole, Mel Brooks, Steven Hill, Walter Matthau, Jerry Van Dyke, Lawrence Tierney, Kirk Douglas, John Belushi, Lloyd Bridges, Abe Vigoda, Kris Kristofferson, Sterling Hayden, David Carradine, Dennis Hopper, Charles Napier, Yul Brynner e Edward Bunker. John Carpenter per quel ruolo avrebbe invece voluto Peter Cushing o Christopher Lee ma entrambi gli attori rifiutarono la parte. Anni dopo, Lee dichiarò che quel rifiuto fu il suo più grande errore come attore.

Halloween 1978 - John Carpenter (5)

5. Il nome Michael Myers è un tributo al distributore europeo del precedente film di Carpenter, Distretto 13: Le Brigate della Morte del 1976. Proprio grazie agli incassi europei della pellicola, il regista riuscì a trovare i primi fondi per realizzare Halloween.

6. John Carpenter ha scritto il ruolo di Lynda van der Klok per l’attrice P.J. Soles dopo averla vista in uno dei migliori film di Brian De Palma: Carrie – Lo Sguardo di Satana, del 1976.

7. Dopo il grande successo di Halloween, Richard Curtis (dietro lo pseudonimo di Curtis Richards) scrisse un libro – non autorizzato – intitolato come il film di Carpenter che svelava la storia di Myers e i retroscena della pellicola. Poco dopo la sua pubblicazione, il libro andò fuori stampa e non venne mai più ristampato.

8. Tra i vari bonus dell’edizione home video del venticinquennale del film, c’è un’intervista a John Carpenter dove il regista rivela che Halloween sarebbe dovuto iniziare con un filmato di un marciapiede al termine del quale era presente una maschera di Halloween gettata sulla strada. L’idea venne accantonata a favore dell’iconica sequenza con la zucca.

9. La musica di Halloween – composta ed eseguita da John Carpenter – è ispirata a quella dei Goblin scritta per Suspiria di Dario Argento e a Tubular Bells di Michael Oldfield (utilizzata nello score de L’Esorcista di William Friedkin).

10. La sequenza di apertura di Halloween – che pare un piano sequenza anche se in realtà è composta da tre scene collegate – è ispirata a quella de L’infernale Quinlan (Touch of Evil) di Orson Welles.

Il capolavoro di John Carpenter torna a 40 anni dall’uscita al cinema in Italia ed entra a far parte della collana Midnight Classics edita dalla Midnight Factory in un’imperdibile edizione disponibile per la prima volta in alta definizione dal 31 ottobre 2019.

Pre-ordina la versione Blu-ray (1 Blu-ray 4K + 2 Blu-ray)
Pre-ordina la versione DVD (2 DVD)

Halloween 1978 Ultra HD Midnight Factory

Small my table, sits just three. Nasce nel 1980 a Reggio Emilia. Crea pearljamonline.it nel 2001 e scrive la prima edizione di “Pearl Jam Evolution” nel 2009 insieme alla moglie Daria. Collabora con barracudastyle.com, hvsr.net e rockol.it, ha collaborato con Rolling Stone e Il Fatto Quotidiano. Continua imperterrito a tentare di trovare “belle melodie che dicono cose terribili”.