Film Horror: I Migliori Dieci Remake

Film Horror: I Migliori Dieci Remake

In questi giorni si sta parecchio parlando del remake diretto da Luca Guadagnino di uno dei più classici film horror di sempre, Suspiria di Dario Argento.

La storia insegna che non tutti i remake sono materiale da buttare via. Chiari esempi sono i rifacimenti di Nightmare, Venerdì 13, Martyrs… scherzi a parte,  fin troppo spesso i remake di veri e propri cult di questo genere si sono rivelati – senza troppi giri di parole – pura e semplice spazzatura. Non tutti però, noi ne abbiamo selezionato dieci che reputiamo essere i migliori.

la-mosca-the-fly-locandina-film

La Mosca (1986)

Il film di David Cronenberg, con Jeff Goldblum e Geena Davis, è un riuscito remake del super cult L’Esperimento del Dottor K di George Langelaan che in certi momenti – vedi la trasformazione da uomo a mosca – riesce addirittura a superare l’originale.

La Notte dei Morti Viventi (1990)

Per Tom Savini, uno dei re indiscussi degli effetti speciali più gore, non è stato di certo facile mettersi a confronto con il cult per eccellenza dei film horror: La Notte dei Morti Viventi di George A. Romero. Savini, seppur ricalcando fedelmente l’originale, dirige una pellicola che fa paura e riesce ad aggiornare un film il cui unico difetto è mostrare tutti gli anni che ha.

Non Aprite quella Porta (2003)

Marcus Nispel – nato nel 1963 a Francoforte – decide nel 2003 di rifare uno dei film più iconici del genere horror: Non Aprite Quella Porta di Tobe Hopper. Un remake onesto che non eccelle ma non fa nemmeno troppo rimpiangere l’originale.

Le Colline Hanno Gli Occhi (2006)

Le Colline Hanno Gli Occhi di Wes Craven aveva un difetto: l’approssimazione recitativa dell’intero cast. Alexander Aja, dopo l’ottimo Alta Tensione, corregge il tiro e confeziona uno dei migliori remake horror, forse il più riuscito di sempre.

le colline hanno gli occhi - 2006 - remake

Halloween (2007)

Rob Zombie, un tempo frontman dei White Zombie, gioca (si fa per fire) con il miglior film horror della storia del cinema. La regia di Zombie è sporca e disturbante e sebbene non riesca a superare il capolavoro del maestro John Carpenter, riesce comunque a lasciare il segno.

L’ultima Casa a Sinistra (2009)

L’originale de L’Ultima Casa a Sinistra è il debutto al cinema di Wes Craven  (non una cosa da poco, insomma), il remake di Dennis Iliadis – girato e distribuito nel 2009 – è ancora più violento e disturbante. Da recuperare.

I Spit On Your Grave (2010)

I Spit On Your Grave è il film più conosciuto (e saccheggiato) del filone Rape & Revenge. Il remake, che darà seguito a ben due sequel, enfatizza le parti più violente aggredendo lo spettatore con momenti davvero riusciti.

La Cosa (2011)

La Cosa di John Carpenter è uno dei migliori film sci-fi horror di sempre nonché, curiosamente, un remake liberamente tratto da La Cosa da un Altro Mondo di Howard Hawks. Nel 2011 Matthijs van Heijningen Jr. ne dirige il prequel (per essere precisi: metà prequel, metà remake) che riesce a terrorizzare per bene nonostante le stroncature di critica e pubblico.

Maniac (2012)

L’originale di William Lustig è disturbante e violento come pochi altri film nel genere. Il remake con Elijah Wood riesce a colpire dritto nello stomaco, merito anche delle riprese quasi del tutto in soggettiva che hanno il merito di aumentare la morbosità del cult del 1980.

Evil Dead (2013)

Finiamo con Evil Dead, remake del classico di Sam Raimi con Bruce Campbell nelle parti dell’iconico Ash. Fede Alavarez, il regista della versione 2003, alza il tasso di splatter presente nell’originale e dirige una pellicola che si lascia ‘amare’ quasi quanto il cult di Raimi, una cosa non da poco insomma.

Riuscirà a entrare in questa classifica anche l’atteso remake di Suspiria? Come scriveva Alessandro Manzoni nel 1821, “ai posteri l’ardua sentenza”.

Luca Villa