I Dieci Film Preferiti di Eddie Vedder (o quasi…)

I Dieci Film Preferiti di Eddie Vedder (o quasi…)

Purtroppo non esiste una classifica dei film preferiti di Eddie Vedder nonostante sia sua una delle colonne sonore più conosciute degli ultimi anni, quella di Into The Wild. Abbiamo comunque cercato, spulciando tra vecchi articoli e interviste, di stilare una lista delle pellicole preferite di Vedder e dei film che ha citato nel corso di tutti questi anni.

ev 2018

 2001: ODISSEA NELLO SPAZIO Stanley Kubrick, 1968

In una recente newsletter recapitata agli iscritti del Ten Club, Eddie Vedder ha indicato 2001: Odissea Nello Spazio come il suo film preferito di sempre. Non solo, guardando il video dove il cantante mostra la sua abitazione pare lampante quanto altre opere del regista abbiano fortemente influenzato l’arredamento di casa sua. Una su tutte? Arancia Meccanica.

BLOOD SIMPLE Joel ed Ethan Coen, 1984

Il debutto dei fratelli Coen, un riuscito mix tra thriller e commedia che vale la pena recuperare, è uno di quei film che Vedder ha guardato svariate volte quando lavorava da ragazzo a un distributore di benzina.

Eddie Vedder, con la t-shirt di Eraserhead di David Lynch, agli Oscar 2018 insieme a sua moglie Jill, Meryl Streep e Laura Dern

Eddie Vedder, con la t-shirt di Eraserhead, insieme a sua moglie Jill, Meryl Streep e Laura Dern

ERASERHEAD David Lynch, 1977

Il debutto del geniale David Lynch è uno dei film che passavano più spesso sulla TV via cavo che Eddie Vedder era solito guardare durante i turni notturni alla pompa di benzina. Negli ultimi anni, il cantante dei Pearl Jam ha spesso indossato una t-shirt che raffigura proprio la locandina del film. Non pago è apparso – con il suo nome di nascita Edward Louis Severson III – nella terza stagione di Twin Peaks. Altre succose curiosità sulla partecipazione di Eddie Vedder alla serie TV creata da David Lynch sono disponibili qui.

THE LAST WALTZ Martin Scorsese, 1978

Martin Scorsese quarant’anni fa ha diretto The Last Waltz, imperdibile documentario sull’ultimo concerto di The Band. “Ricordo che mio zio mi portò a vedere The Last Waltz, c’era così tanto in quelle due ore di film, gente come Dylan, Neil Young, Ron Wood, Joni Mitchell, Van Morrison e Muddy Waters, quindi mi piantò dentro molti semi” ha detto Vedder. “C’erano tutti i tipi di piccole deviazioni nel blues ed era pieno ed emozionante. Potevi sentire l’emozione perchè era il loro ultimo concerto e, sai, Scorsese lo rese in modo grandioso. Lo vidi in un teatro praticamente vuoto a Chicago”.

HAROLD AND MAUDE Hal Ashby, 1971

Ricordo di aver visto il film Harold and Maude quando avevo 12 anni; il film è accompagnato da alcune canzoni di Cat Stevens. C’è una perfetta sinergia tra il film e la musica e questo mi ha davvero ispirato nel cercare di scrivere una colonna sonora” ha detto Vedder, una decina di anni fa, parlando delle canzoni che ha scritto per il film Into The Wild di Sean Penn.

LA CASA DEI 1000 CORPI Rob Zombie, 2003

Eddie Vedder ha passato molto tempo insieme a Johnny Ramone, il compianto chitarrista dei Ramones, a vedere film horror degli anni cinquanta e sessanta. Nel booklet di Lost Dogs, il cantante si augura che Rob Zombie – amico di lunga data di Johnny – diriga un film ispirato alle gesta di Jeffrey Dahmer, uno dei più noti serial killer americani che ha in parte ispirato il testo di Dirty Frank dei Pearl Jam. Non avendo citazioni dirette di Vedder sui film di Zombie, vi consigliamo di partire con La Casa dei 1000 Corpi, proseguire con il sequel The Devil’s Rejects – il vero capolavoro dell’ex cantante dei White Zombie – e attendere 3 from Hell, il film che nel 2019 concluderà la trilogia sulla folle famiglia Firefly.

COFFEE AND CIGARETTES Jim Jarmusch, 2003

Reciterei in un film, dovrebbe essere in bianco e nero, diretto da Jim Jarmusch” ha detto tempo fa Eddie Vedder. “Ci potremmo essere io e Tom Waits  in un bar che fumiamo e beviamo caffè, parlando del più e del meno”. Il riferimento è ovviamente a Somewhere in California, cortometraggio del 1993 scritto e diretto da Jim Jarmusch con Iggy Pop e Tom Waits, inserito  nel film Coffee and Cigarettes distribuito nei cinema dieci anni dopo.

Pearl-Jam-Austin-City-Limits

Ed Vedder con la t-shirt del film “Il Maratoneta”

IL MARATONETA John Schlesinger, 1976

Dustin Hoffman è da sempre l’attore preferito di Eddie Vedder. I due si sono conosciuti personalmente due anni fa, nel backstage del concerto dei Pearl Jam al Madison Square Garden del 2016. Negli ultimi anni, Eddie ha spesso indossato una t-shirt della locandina del film “Il Maratoneta”, thriller che vede protagonista un giovane Dustin Hoffman negli iconici panni di Thomas Babington “Babe” Levy.

IL PADRINO – PARTE II Francis Ford Coppola, 1974

Nel lontano 1994, Pier Paolo Campo – storico fan dei Pearl Jam – incontrò Eddie Vedder a Roma per una lunga chiacchierata. Tra le varie cose, i due parlarono di film, del fatto che Eddie in quel periodo non ne stesse vedendo molti e di una delle sue scene preferite tratte da Il Padrino – Parte II, a detta del cantante dei Pearl Jam una pellicola migliore anche del primo capitolo.

TUTTO IN UNA NOTTE John Landis, 1985

Durante il recente concerto dei Pearl Jam a Padova, Eddie Vedder ha citato il film di John Landis paragonando la trama della pellicola a quando perse – dopo il concerto del suo gruppo a Venezia nel 2010 – l’ultimo traghetto della sera per tornare sulla terra ferma rimanendo bloccato in un’isoletta per tutta la notte.

Luca Villa