I 10 Migliori Dischi del 2018

I 10 Migliori Dischi del 2018

Quest’anno sono stati pubblicati diversi dischi molto interessanti: ne ho selezionati dieci, quelli che personalmente ho preferito e che ho ascoltato di più. Per ogni album è indicata la canzone consigliata e gli artisti o le band simili al disco selezionato.

Foto: Eliot Lee Hazel

Foto: Eliot Lee Hazel

 

CAT POWER
Wander

Wanderer è il decimo album in studio di Cat Power,  la miglior cantautrice americana degli ultimi vent’anni. In questo album Chan mette da parte le sonorità più elettroniche presenti in Sun e confeziona il suo miglior disco da svariato tempo a questa parte. Le dieci curiosità su Wanderer sono su barracudastyle.com.

CANZONE CONSIGLIATA: Horizon
CONSIGLIATO SE TI PIACE: Bob Dylan, Elliott Smith, Joni Mitchell

 

JACK WHITE
Boarding House Reach

Boarding House Reach – il secondo disco solista di Jack White – non è immediato come Lazaretto, ma è da vedersi come un nuovo punto di partenza, dove il rock delle origini si fonde con l’hip hop e il soul di James Brown o della Motown, il tutto suonato con l’irruenza tipica del proto punk. Boarding House Reach è il punto zero a cui il rock di questi anni deve assolutamente aggrapparsi per continuare a mantenersi vivo ripartendo proprio da questi, genialmente folli, quarantaquattro minuti di musica. L’ho recensito su barracudastyle.com.

CANZONE CONSIGLIATA: Ice Station Zebra
CONSIGLIATO SE TI PIACE: Beck, Tom Waits, Sparklehorse

 

FATHER JOHN MISTY
God’s Favorite Customer

Mr. Tillman, accompagnato da un geniale video che sembra diretto da David Lynch, è la canzone-simbolo dell’album God’s Favorite Customer, il quarto solista di Father John Misty, pieno zeppo di musica scritta e registrata con una padronanza dei propri mezzi che ben pochi altri artisti contemporanei possono vantare. Ho recensito il singolo Mr. Tillman su hvsr.net.

CANZONE CONSIGLIATA: Mr. Tillman
CONSIGLIATO SE TI PIACE: George Harrison, John Grant, Big Star

 

ARCTIC MONKEYS
Tranquillity Base Hotel + Casino

Con questo disco, il più affascinante del 2018, gli Arctic Monkeys hanno dimostrato di essere una band con le palle e di avere dalla loro uno dei migliori songwriter di questi anni (non è un’esagerazione, ascoltate il disco con sotto i testi e ve ne renderete conto). L’ho recensito su barracudastyle.com.

CANZONE CONSIGLIATA: Star Treatment
CONSIGLIATO SE TI PIACE: David Bowie, Elvis Costello, Nick Cave

 

SNAIL MAIL
Lush

Una sensibile diciannovenne che racconta con disarmante naturalezza le vite di migliaia di ragazze come lei. Ho recensito il primo singolo estratto dal disco di Snail Mail su hvsr.net.

CANZONE CONSIGLIATA: Pristine
CONSIGLIATO SE TI PIACE: PJ Harvey, Sonic Youth, Pavement

 

MUDHONEY
Digital Garbage

Le grandi notizie sono due. La prima è che i Mudhoney sono tornati con un nuovo disco, la seconda è che la band più longeva di Seattle pare oggi ancora in ottima forma. Ho recensito il singolo Paranoid Core su hvsr.net.

CANZONE CONSIGLIATA: Paranoid Core
CONSIGLIATO SE TI PIACE: Stooges, The Sonics, Dead Kennedys

 

BIG RED MACHINE
Big Red Machine

Il debutto della band formata da Justin Vernon (in arte Bon Iver) insieme a Aaron Dessner dei National lascia a bocca aperta: pochi dischi usciti nel 2018 posso vantare una successione di così tante belle canzoni una dietro l’altra. Ho recensito Hymnostic su hvsr.net.

CANZONE CONSIGLIATA: Hymnostic
CONSIGLIATO SE TI PIACE: Grandaddy, Built To Spill, Girls in Hawaii

 

ZEKE
Hellbender

La formula del gruppo punk di Seattle capitanato da “Blind” Marky Felchtone è sempre la stessa: chitarre sparate a mille, voce urlata e basso e batteria ai limiti dell’isteria. Il riuscito Hellbender ne è la prova. Ho recensito il singolo Working Man su hvsr.net.

CANZONE CONSIGLIATA: Working Man
CONSIGLIATO SE TI PIACE: Motörhead, Black Flag, Ramones

 

AMENT
Heaven/Hell

Heaven/Hell è un disco che dimostra la piena maturità di Jeff Ament, così a suo agio con la propria visione artistica da far quasi dimenticare l’affiliazione a una delle più importanti rock band degli ultimi trent’anni, i Pearl Jam. Ho recensito il terzo disco solista di Ament su barracudastyle.com.

CANZONE CONSIGLIATA: Drugs
CONSIGLIATO SE TI PIACE: Roxy Music, Peter Gabriel, Devo

 

THE VOIDS
Virtue

Il secondo disco del progetto parallelo della voce degli Strokes, Julian Casablancas, è ancora più estremo del primo tra echi dei Suicide e sonorità vicino all’elettronica più pura. Ho recensito il singolo QYURRYUS su hvsr.net.

CANZONE CONSIGLIATA: QYURRYUS
CONSIGLIATO SE TI PIACE: Suicide, Kraftwerk, Television

Luca Villa