CINECULT #8: Eraserhead di David Lynch

CINECULT #8: Eraserhead di David Lynch

CineCult, ovvero i film passati inosservati all’epoca della loro uscita ma che nel corso degli anni sono diventati cult assoluti.

eraserhead (5)

ERASERHEAD
David Lynch, 1977

Henry Spencer, interpretato da Jack Nance che anni dopo diverrà un volto noto del leggendario Twin Peaksvive in una decadente zona industriale. Un giorno viene invitato a cenare dagli svitati genitori di una ragazza che ha frequentato poco tempo prima. Il “piatto forte” della cena è la scoperta di essere padre del bambino, deforme, che la donna ha da poco partorito. Da questo momento inizia una follia visiva che ha colpito nel corso degli anni legioni di fan, da registi a musicisti, da cinefili a giornalisti che hanno (invano) provato a dare un senso a questa pellicola.

Eraserhead è il debutto del Maestro David Lynch, un film difficilmente catalogabile, una pellicola che lo stesso regista si è sempre rifiutato di spiegare. Un’opera unica non solo della filmografia del filmmaker del Missoula ma del cinema tutto.

Ogni parola in più sarebbe solamente tempo sprecato, ci sono film che devono essere visti e, soprattutto, vissuti. Eraserhead è proprio uno di questi.

eraserhead (3)

Il mitico Jack Nance con il leggendario bambino deforme

LA SCENA CULT

La scena più scioccante di Eraserhead è quella in cui viene mostrato per la prima volta il “bambino” deforme nato dall’unione tra Henry Spencer (Jack Nance) e Mary X (Charlotte Stewart).

LE CINQUE CURIOSITA’

1. Eraserhead era il film preferito di Stanley Kubrick. Durante le riprese di Shining, il film di Lynch venne proiettato diverse volte alla presenza di tutto il cast.

2. Tra i fan della pellicola ci sono anche Eddie Vedder (“Lo vedevo spesso quando ero ragazzo durante i turni di notte, mi faceva impazzire ogni volta”) e Charles Bukowski (nel romanzo Hollywood, Henry Chinaski, l’alter ego di Buk, viene intervistato e dichiara che Eraserhead è il suo film preferito).

3. Le riprese di Eraserhead sono durate cinque, lunghi, anni.

4. In Heaven (Lady in the Radiator Song), una delle canzoni portanti della colonna sonora scritta da David Lynch insieme a Alan Splet, è stata riletta da diversi artisti. Una delle più celebri versioni è quella dei Pixies.

5. Eraserhead è ispirato a La Metamorfosi di Franz Kafka e a Il Naso, breve racconto di di Nikolaj Vasil’evič Gogol’.

DOVE SI PUO’ GUARDARE? Il DVD è disponibile su Amazon.it.

SE TI E’ PIACIUTO GUARDA ANCHEPossession, Tetsuo, Society – The Horror

Small my table, sits just three. Nasce nel 1980 a Reggio Emilia. Crea pearljamonline.it nel 2001 e scrive la prima edizione di “Pearl Jam Evolution” nel 2009 insieme alla moglie Daria. Collabora con barracudastyle.com, hvsr.net e rockol.it, ha collaborato con Rolling Stone e Il Fatto Quotidiano. Continua imperterrito a tentare di trovare “belle melodie che dicono cose terribili”.